domenica 6 gennaio 2013

Pan briosce con pasta madre all'olio e miele

In questo nuovo anno, visto che il seme della consapevolezza dell'autoproduzione, annaffiatura dopo annaffiatura, si è fatto forte e ben radicato, abbiamo trovato il posto nella nostra minicasa (dove lo spazio è un vero grattacapo!), per l'impastatrice.
Questa è una di quelle novità di cui parlavo nel post precedente (certo il deciso taglio di capelli in confronto non ha paragone!).
E, sì, non vedevo l'ora di provare a fare un pan briosce che fosse buono ma abbastanza leggero, soddisfacente per la gola e positivo per la coscienza.
Mi è venuta incontro una ricetta appena letta sul numero di gennaio di Cucina Naturale, ..una manna dal cielo per il desiderio che coltivavo specie perché la ricetta contiene ingredienti più genuini rispetto alle aspettative!
Non mi sarei immaginata tanta soddisfazione! ..Il pane è soffice, poco dolce e profumato di arancia.. Ravvivato con un velo di miele o di marmellata home-made rende speciale la colazione..




Ingredienti:

- farina di frumento tipo 1 semi integrale: 150 gr
- farina di frumento tipo 2 integrale: 150 gr
- pasta madre liquida rinfrescata: 90 gr
- acqua tiepida: 100 ml
- miele (di arancio): 50 gr
- olio di riso (o e.v.o.): 30 ml
- uovo (codice 0, a temperatura ambiente): 1
- sale: una presa
- scorta grattugiata di un’arancia non trattata 

Procedimento:

mettere la pasta madre nell'impastatrice e scioglietela nell’acqua tiepida.
Quando sarà ben mescolata, incorporate l’uovo battuto, l’olio, il miele ed amalgamate.
Aggiungere poi le farine, impastare un po’ ed, infine, il sale e la buccia grattugiata dell’arancia biologica.
Impastate a lungo fino a quando l’impasto risulti liscio, omogeneo ed elastico.
Se troppo asciutto versate altra acqua.
Formare una palla, ponetela in una ciotola unta con pochissimo olio di riso e coprire con pellicola trasparente.
Lasciare lievitare per 3-4 ore lontano da correnti d’aria  (es. dentro al forno spento), dopodiché sgonfiare l’impasto in modo da ottenere un rettangolo e procedere con una serie di pieghe.
Dare la forma all’impasto e sistemarlo in uno stampo da plumcake ricoperto di carta forno.
Coprire con un canovaccio pulito e lasciar lievitare per 4-5 ore lontano da correnti d’aria.
Infornare in forno preriscaldato a 190° C per 20 minuti ed altri 20-25 minuti a 180° C, avendo cura di fare la prova stecchino.
Sfornare e lasciare raffreddare su una griglia.



(so che c'è chi aspettava questa ricetta..)

Buon inizio settimana :)

10 commenti:

sara ha detto...

wow, un panbrioche all'arancia...chissà che profumo...e chissà che sapore!! Mi è venuta fame, cavoli!
Complimenti per la splendida ricetta Sissa! Non ho la pasta madre, ma la proverò con il lievito di birra!
un abbraccio forte

Lo ha detto...

che pane meraviglioso....e il profumo dell'arancio deve essere davvero una delizia :)

Sara ha detto...

Semplice e di riuscita praticamente sicurissima!

Bravissima!
E grazie ;-)

Buona giornata e un abbraccio,
Sara I°lab

Cristiana ha detto...

E volendo usare il lievito madre solido, quale dovrebbe essere la quantità?
Ciao e grazie. Cristiana

Sara ha detto...

@ Cristiana: quado ho bisogno di fare la conversione, vado su questo sito, c'è un tool super-efficace ;-)

http://pastamadre.altervista.org/index.php?page=conversione_pastamadre

Buon pomeriggio,
Sara I°lab

P.S.: spero che funzioni...

Nadir ha detto...

bellissimo pane, e poi la Pasta madre da tante soddisfazioni, come l'autoproduzione d'altro canto. :)

la sissa ha detto...

..trovo solo ora il tempo di rispondere..

@Sara: ciao sara, con il lievito di birra (la ricetta indicava proprio lui!) il quantitativo è mezzo cubetto, semmai non avessi la rivista.
Buona giornata :)

@Lo: che sorpresa leggerti, grazie del pensiero. Giusto stamattina ne ho scongelato qualche fetta per la colazione e il risultato, dopo un passaggio nel forno, è stato come appena sfornate. La prossima volto vorrei provare a stendere l'impasto per poi arrotolare i triangoli per fare delle brioscine.
Buona giornata e a presto..

@Sara I° Lab.: ..avevo voglia di rileggerti su questo spazio e quindi ho pubblicato questa ricetta che aspettavi. Chissà se nel frattempo ti era arrivata la rivista........ Grazie per l'intervento in risposta a cristiana, non avrei saputo rispondere meglio.
Buona giornata..

@Cristina: ciao Cristiana, per la conversione spero ti sia stato d'aiuto il link indicato da Sara. La ricetta prevedeva il quantitativo di lievito di birra, ossia mezzo cubetto. Spero che con queste indicazioni tu sia in grado di mettere ..le mani in pasta con soddisfazione!
E' una ricetta veramente riuscita, fidati, l'ho già rifatto tre volte aggiungendo anche la cannella -che ci stava benissimo- ed è venuto sempre bene.
Buona giornata e arrivederci :))

@Nadir: l'autoproduzione è ancora un tabu' per troppi, haimé. Capisco che ci vuole un approccio mentale prima di tutto ma poi la strada è tutto in salita.
Buonissima giornata :)

Sara I°lab ha detto...

Ecco, il pan brioche è in cella di lievitazione a lievitare... sono curiosa del risultato.
Tra qualche ora le pieghe, poi lo faccio a treccia... così mi esercito ;-)

Buon pomeriggio e un abbraccio,
Sara I°lab

Sara I°lab ha detto...

Ne ho assaggiato subito una fetta ieri sera... buono, ma non convincente al 100%.
Assaggiato sta mattina, scaldato in padella, buonissimo! Era anche migliore l'alveolatura, più "da panbrioche".
Insomma, da rifare.

Buona giornata e un abbraccio,
Sara I°lab

la sissa ha detto...

@Sara I lab: grazie del riscontro, i tuoi commenti sono sempre preziosi!
Notte cara :)