venerdì 20 gennaio 2012

Biscotti veg alle nocciole di Sara

 Questa settimana non ho saputo resistere..

..al freddo pungente durante la corsa in pausa pranzo
(..dando forfait)

..a non accompagnare il pranzo con un tazza calda e confortante di tè verde (gesto che non abbandonerò)

..a preparare questi deliziosi biscottini
(unica vera variante, la sostituzione dello zucchero) 

Debolezze.




Ingredienti:

- farina di farro bianca: 150 gr
- farina di farro integrale: 100 gr
- nocciole tritate: 100 gr
- malto di riso: 50 gr
- sciroppo d’acero: 50 gr
- olio di semi: 50 gr
- latte di riso: 3/4 cucchiai
- zenzero fresco grattugiato: 2 cucchiai
- cannella: un cucchiaino
- bicarbonato: 1 cucchiaino raso

Procedimento:

mettete in un contenitore gli ingredienti asciutti (le farine, le nocciole precedentemente tritate, il bicarbonato, il sale, la cannella) ed amalgamate.
Miscelate bene in una ciotola il malto, lo sciroppo d’acero, l’olio, il latte di riso, lo zenzero fresco grattugiato.
Versate questa miscela sugli ingredienti asciutti, lavorate in senso circolare amalgamando l’impasto per bene (gli ingredienti devono assorbirsi tra loro) quel tanto che basta ad ottenere un impasto omogeneo e morbido (se necessario aggiungete un pò di latte di riso).
Formare delle palline grandi come una noce, sistemate i biscotti nella teglia e schiacciarli delicatamente premendo con i rebbi di una forchetta.
Cuoceteli nel forno caldo a 180° per 10-11 minuti o finché saranno dorati (il tempo varia a seconda della dimensione dei biscotti).
Lasciateli intiepidire.

Per dare un maggior appeal a questi biscotti, suggerisco l’aggiunta di scaglie di buon cioccolato fondente.



 
E voi che debolezze avete da suggerirmi per la settimana prossima?

Un buon week end!

15 commenti:

pannifricius delicius ha detto...

Ciao anche tu ci dai dentro con i biscotti... coccole invernali :-)

herbivorsconfessions ha detto...

che bontà, belli cicciotti! io li ho segnati, devo ancora farli!

Margot ha detto...

Debolezze più che giustificate, mi pare! Le mie debolezze questa settimana hanno a che fare col colore e sono più che altro "salvaumore". Di nebbia e gelo non ne posso più :-D

sara ha detto...

che onore, grazie per avermi citata e complimenti per come ti sono venuti, sono pure molto più belli dei miei!
Un abbraccio e buon weekend

pips ha detto...

Ho giusto delle nocciole che giacciono inutilizzate da un po', e tanta voglia di lasciarmi stupire da questa cucina. Saranno presto miei :)

Sara ha detto...

Ieri sera, abbiamo assaggiato anche questi, li ha fatti mia mamma: mi ha detto che ha fatto un mix tra le due ricette perché non aveva il succo d'acero (me lo aveva dato, poco tempo fa: "Sara, te lo dò, tanto io non lo uso").
Molto buoni anche questi!
Anche loro BIS-COTTATI.

Buona settimana,
Sara (I° lab)

Luisa ha detto...

e dopo quelli ai pistacchi, ci volevano le nocciole!sto provando ad una ad una le ricette dei tuoi biscotti..che adoro per la presentazione, ma soprattutto per gli ingredienti "alternativi" che usi!sani, buonissimi.. sono ricette davvero perfette: complimenti!

Luisa ha detto...

ah, dimenticavo.. per caso usi, o hai mai provato ad usare, lo sciroppo d'agave come sostituto dello zucchero?

la sissa ha detto...

@pannifricius: ..ciao Paola, si mi devo dare una regolata infatti..
A presto!

@herbi: ..buoni davvero, segnali nella lista dei prossimi esperimenti poiché meritano e, come ho scritto, consiglierei un pò di cioccolato in scaglie.
Buona giornata :)

@Margot: ..noi abbiamo goduto di uno spendido fine settimana. Anche oggi non è male ed all'aria aperta si sta splendidamente bene.
Spero che il tuo umore ne abbia giovato della tua cromoterapia ;)
Ciao cara ed a presto!

@Sara: grazie a te dello spunto prezioso.
Come hai potuto leggere sono piaciuti a tanti ed io sono contenta di aver fatto da portavoce.
Buona giornata ed a presto!

@Pips: ..che dire Pips, non ti resta che provare. Anche io ho iniziato così, a piccoli passi, provando e riprovando. Ora sono attratta quasi esclusivamente da questo tipo di dolci naturali. Mi danno molto soddisfazione anche se posso capire che la prima impressione, per chi ha abitudini e gusti diversi, è di scetticismo.
Buona giornata :)

la sissa ha detto...

@Sara: :)) non mi resta che bis-cottare anch'io! Questo week-end ho fatto un *fioretto*: quello di non fare altri dolci almeno per tutta la settimana, ..ma non l'ho pronunciato a voce alta, ..non ci sono testimoni.., quindi, ..forse potrei autocensurare questa promessa :||
Buona giornata, carissima!

@Luisa: Ciao Luisa! ..ma che bel pensiero il tuo. Che carina. Son contenta di quello che mi scrivi.. e soprattutto son contenta di riuscire a testare e poi trasmettere queste ricette buone e sane.
Lo sciroppo d'agave mi manca proprio. Ho preso il concentrato di dattero, ma lo devo anora provare... proprio per il *fioretto* di cui sopra (sig+sob)
Tu lo usi? Ti trovi bene? Che sapore ha?
Buona giornata :)

Luisa ha detto...

Sono una nutrizionista.. quindi per lavoro, convinzione e passione sono alla ricerca di prodotti più sani,principalmente vegetali per ridurre calorie, grassi, zuccheri.. per me e per proporli ai miei pazienti!le tue ricette mi piacciono troppo.. sono una fonte di idee per me!no..non ho mai usato l'agave,per quello chiedevo!ma l'ho vista al supermercato Bio e la voglio provare!poi ti faccio sapere..!ciao baci

Sara ha detto...

@ Luisa: mi permetto di commentare a proposito dell'agave, per quello che so.
Nonostante sia assolutamente vegetale, gli stessi che si occupano di alimentazione naturale o macrobiotica ne sconsigliano l'uso perché, rispetto ad altri dolcificanti (malto, succo d'acero, miele), il succo d'agave dà lo stesso picco glicemico che dà lo zucchero classico. Effetto che, invece, è molto ridotto negli altri dolcificanti che ho citato.
Questo è quello che so. Spero ti sia utile, visto poi che sei nutrizionista.

Buona notte,
Sara I° lab.

la sissa ha detto...

@Luisa e Sara I° Lab: buondì ragazze e ben ritrovate!
Ho fatto una piccola ricerca tra i miei libri di pasticceria naturale per poter dare una risposta più precisa, e quindi copio/incollo quanto scritto sul libro "Pasticceria naturale" di Pasquale Boscarello - Terra Nuova Edizioni:
- "il miele dal punto di vista energetico è come lo zucchero: se si prende un cucchiaino di miele, subito ques'ultimo entra in circolo ed alza il tasso glicemico nel sangue, quindi non andrebbe tanto bene". (Ho letto anche che sottoposto ad alte temperature -v. cottura in forno- il miele perde delle proprietà nutritive).
"- il succo di agave (linfa di un'agave messicana, lievemente viscosa. Se chiara ha gusto gradevole e lievemente acidulo, se scura simile allo sciroppo d'acero), si scioglie bene anche nei liquidi freddi e mantiene morbidi i prodotti da forno. E' costituito soprattutto da fruttosio, quindi non stimola troppo la produzione di insulina;
- ..lo sciroppo d'acero è costituito prevalentemente da saccarosio;
- lo zucchero bianco viene estratta dalla barbabietola tramite un processo di raffinazione destinato a depurare il succo greggio, equilibrare il ph ed evitare la formazione di schiume. A tale scopo si impiegano acido solforico, formaldeide o assimilati, calce e sostanze chimiche diverse. Sottoposto poi a filtrazione e cristalizzazione, il prodotto perde le vitamine, le proteine ed i sali minerali. Ne deriva un alimento che stimola fortemente la produzione di insulina e di conseguenza malattie come il diabete, l'obesità, l'arteriosclerosi ed alcune forme di tumori;
lo zucchero grezzo di canna è trattato all'incirca allo stesso modo, quindi è altrettanto sconsigliabile per la salute. Una valida alternativa è lo zucchero integrale di canna di produzione biologica, ricavato con metodi di lavorazione tradizionali che prevedono unicamente la spremitura della canna da zucchero."
(piesse: questa piccola nota sullo zucchero, superflua a chi appunto già lo ha eliminato, mi faceva piacere inserirlo per coloro che ancora non l'hanno fatto. Chiamiamola 'sensibilizzazione'.
Da quel che ho appreso la preferenza cadrebbe sul malto anche se i sapori del prodotto finito cambiano..
Spero di esservi stata utile e mi documenterò ulteriormente sugli altri libri che ho e magari cercherò di darvi altre notizie. Ieri non ho avuto moltissimo tempo per leggerli tutti.
Vi auguro una buona giornata e a presto.
Ciao :)

Sara ha detto...

@ Sissa: grazie delle info. Evidentemente quelle che avevo io non erano del tutto corrette. Mi sembra strano, però, perché me le ha dette una cuoca diplomata la "Sana Gola", che ha fatto il corso sia di cucina naturale sia di cura attraverso il cibo. Anch'io mi informerò meglio :-)

Baci,
Sara I°lab

Alice ha detto...

il tuo blog è davvero bellissimo e mi aggiungo ai tuoi lettori fissi! ho visto un sacco di belle ricette e mi piace la tua attenzione per dei dolci golosi ma più sani di quelli tradizionali. ti faccio i miei complimenti e...ho provato, rielaborando con quello che avevo questi dolcetti! eccoli qua http://coffeeechocolate.blogspot.it/2014/02/biscottini-ai-pistacchi-veg.html ! essendo fatti con i pistacchi da crudi avevano un colore spettacolare davvero!