mercoledì 4 gennaio 2012

Torta salata di porri e pera

Ancora non ho detto quanto un piatto di sushi mi faccia letteralmente rabbrividire ed arricciare il naso in una smorfia di ribrezzo.
Stessa musica per il pesce crudo.
Se poi bazzicate di qua, avrete notato invece che gli accostamenti frutta/verdura, verdura/dolce mi ispirano in particolar modo, riuscendo spesso ad essere vincenti rispetto ad una portata più tradizionale.
Sensazioni che influiscono le nostre personali preferenze.
Curioso sarebbe capire come questi gusti cambiano di persona in persona, ..anche mutano nel corso della vita, ..sapori che vengono percepiti diversamente, ..consistenze che si fanno gradire o disdegnare.

La ricetta di oggi prevede per l’appunto un accostamento frutta/verdura, autunnale, morbido, che ho già provato per averlo testato in una vellutata l’anno scorso, ravvivato, questa volta, dalla presenza delle noci.
Ho racchiuso tale spunto in un involucro croccante e rustico, una pasta che sostituisce la sfoglia superpratica (e ‘vuota’, ..dico io) dei banchi frigo ma che, tutto sommato, con una manciata di minuti ed un minimo di buona volontà, premura e rispetto per l’ambiente, si può fare da sé con dei semplici, genuini e consapevoli ingredienti che sono le materie prime.




Ingredienti (per 6 persone):

per il ripieno:
- porri: 3
- pera: 1
- uovo cod. 0: 1
- noci: una manciata di gherigli
- feta: 100 gr
- pecorino grattugiato: q.b.
- latte di riso: q.b.
- semi di finocchio: un cucchiaino
- sale e pepe

per la base:
- farina integrale tipo 2: 200 gr
- farina semi integrale tipo 1: 200 gr
- acqua: 220 - 240 gr
- olio evo: 4 cucchiai
- aceto di mele: un cucchiaino
- sale: una presa
- bicarbonato: mezzo cucchiaino

Procedimento:

per il ripieno:
mondate i porri e tagliateli a rondelle sottili.
Farli appassire in padella con 2-3 cucchiai d’olio appena caldo a fuoco lento per circa 15 minuti, bagnando con pochissima acqua.
A cottura ultimata regolare di sale e pepe.
Far raffreddare.

Per la pasta:
raccogliete in una ciotola le farine, il sale, il bicarbonato, l'olio, l’aceto e l'acqua e impastare fino ad ottenere un composto morbido ed omogeneo.
Se risultasse troppo sodo aggiungere un po’ d’acqua per volta.
Lasciar riposare l'impasto a forma di palla per una mezz'oretta coperto con la stessa ciotola capovolta sopra o con uno strofinaccio.
In una terrina amalgamare bene l’uovo sbattuto, il pecorino grattugiato, il latte (di riso), la pera sbucciata e tagliata a pezzettini, la feta sbriciolata, le noci, i porri stufati (senza l’eventuale liquido di cottura), i semi di finocchio, sale e pepe.
Foderare uno stampo con la carta da forno e stendeteci la pasta precedentemente tirata in una sfoglia sottile.
Punzecchiare il fondo della pasta con i rebbi della forchetta, versare il ripieno, ricoprire con una seconda sfoglia e rimboccare bene i bordi.
Bucherellate la superficie con una forchetta e infornare a 180° C in forno preriscaldato per circa 40 minuti.

Buon anno..

9 commenti:

Nepitella ha detto...

Eccomi d'accordissimo con te. Il sushi non fa per me mentre frutta nel salato è una cosa che mi piace tantissimo. Questa tua torta deve essere una delizia io agli albori del mio blog l'ho fatta con spinaci e pere e mi era piaciuta un sacco :-)
Un abbraccio e buon 2012

Wennycara ha detto...

Mmm, ti immagini che bello se ce la potessimo mangiare stasera, tutti e quattro assieme? :)
Di solito faccio una pasta simile alla tua, con la ricetta tratta da stella. Il ripieno che proponi è golosissimo e m'invita molto: hai fatto caso a quanto ci sentiamo *autunnali* ancora?
Un abbraccio e buona serata,

wenny

la sissa ha detto...

@Nepitella: spinaci e pere? Dici sul serio? ..corro subito a vedere se la trovo. È un abbinamento curioso e non saprei proprio che sensazioni aspettarmi..
Cari auguri anche a te :)

@Wenny: ..riflettevo proprio in questi giorni come, passate le feste, l'impressione di lasciare alle spalle questa stagione sia sempre più marcata. Mi sento ancora bisognosa di lei e dei suoi effetti sul mio quotidiano. (..bella bellissima una cena tutti insieme).
Ti bacio tesorina :*

tiziana - the t time ha detto...

Sissa,... che dire, mi ispira tutto quello che proponi! ti confesso adesso che io non amo impastare, non ho la dovuta pazienza, non mi applico abbastanza, ma questa torta mi ispira così tanto che mi applicherò invece tantissimo. ecco. un bacio :)

la sissa ha detto...

@Tiziana: mi fa piacere leggerti nonostante la tua principale passione non sia propriamente la cucina. E se questo in qualche modo anche ti stimola, beh.. sorrido di gusto..
La pasta è abbastanza semplice ma non nego che prima di farla bene ho buttato qualche dose di farina e di tempo. Il riposo dell'impasto, lo rende più elastico e facile da stendere. E.. con il mattarello, ci sai fare?
Buona notte bella donna.

pianoB ha detto...

Anch'io, la prima volta che sono stata in Giappone, mi sono rifiutata di mangiare sushi e compagnia bella perché mi faceva "senso" l'idea del pesce crudo e temevo si sentisse troppo l'aceto nel riso (non reggo l'aceto, nemmeno l'odore). Poi mi hanno convinto ad assaggiarlo e ho capito cosa mi stavo perdendo. Non riesco ancora ad apprezzarne tutte le tipologie (in genere mi limito a tonno e salmone o simili) ma quando volo "di là" ne faccio volentieri una scorpacciata. In Italia mi fido già meno e lo prendo solo dove so che è buono buono e il pesce si scioglie in bocca come dev'essere :-)

franci e vale ha detto...

Ciao Sissa, sono nuova qui, mi piace il tuo sito! E mi è piaciuta molto la tua base per torte salate, che devo subito provare!! Senza burro la cercavo da un pò e questa mi ispira.....ora vado a curiosare ancora un pò... Ciao, Franci

franci e vale ha detto...

Ciao Sissa, sono nuova qui, mi piace il tuo sito! E mi è piaciuta molto la tua base per torte salate, che devo subito provare!! Senza burro la cercavo da un pò e questa mi ispira.....ora vado a curiosare ancora un pò... Ciao, Franci

la sissa ha detto...

@Piano B: mmmmmmmmmm... non mi hai convinta, nonostante i tuoi incoraggiamenti siano stati valutati ed accettati di buon grado. Chissà se tempo e circostanze mi potranno riservare qualche inaspettato cambio di gusti.
Grazie del pensiero e buona giornata! :)

@Franci e vale: ..ciao e benvenuta! Quando posso cerco di usare l'olio evo al posto del burro. Questa base per torte salate è una valida alternativa a quelle del super. Poi dipende sempre dai gusti di ciascuno dei noi.
A presto e buona giornata :)