giovedì 22 marzo 2012

Things I like to do..

..Sunday morning in spring:

improvvisare una passeggiata spensierata (ma fruttuosa!) in serra
*
ammirare il terrazzo rinnovato e vestito di primavera (grazie amor..)
*
partecipare a questa festa preparando la merenda



Per farla, ho giocato con una ricetta presa dalla rivista Cucina Naturale di questo mese (pag. 59: ‘piccoli panini dolci all’avena’).
Ecco come: ho sostituito il burro con l’olio di semi e lo zucchero con dolcificanti più naturali, aggiustato di poco la consistenza e formato i dolcetti con un pò di grazia senza bisogno di impastare con le mani.
Una mezza via tra un biscotto e una merenda, dalla consistenza soffice e dal sapore genuino di un dolcetto integrale che profuma, senza però spiccare, di miele.
Il risultato mi ha soddisfatto enormemente tanto!

:: Pastarelle integrali al miele ::

Ingredienti:

- farina semi integrale tipo 1: 150 gr
- farina integrale tipo 2: 50 gr
- farina di mandorle: 50 gr
- cruschello di avena: 100 gr
- fiocchi di avena: un cucchiaio
- olio di semi: 50 gr
- miele di castagno: 55 gr
- sciroppo d’acero: 45 gr
- succo di mela limpido: 200 ml
- bicarbonato: un cucchiaino raso
- lievito in polvere: un cucchiaino raso
- scorza d’arancia grattugiata: 1 cucchiaino
- vaniglia in polvere: 1 cucchiaino
- sale: un pizzico

Procedimento:

mescolate in una terrina gli ingredienti secchi (le farine, il cruschello di avena, i fiocchi d’avena, il bicarbonato, il lievito, la vaniglia e il pizzico di sale).
Radunate in un’altra ciotola gli ingredienti umidi (miele, sciroppo d’acero, olio di semi, succo di mela, la scorza d’arancia grattugiata) e miscelate molto bene gli ingredienti tra loro.
Versate, poi, lentamente gli ingredienti umidi nella terrina degli ingredienti secchi ed amalgamate l’impasto con una spatola fino a completo assorbimento delle farine.
Dovrete ottenere un composto morbido, ma non liquido.
Prelevate con un cucchiaio delle piccole porzioni di impasto e fatele scivolare con forma tondeggiante sulla teglia del forno (rivestita di carta forno) aiutandovi con un dito.
Distribuitele ben distanziate poiché in cottura si espanderanno un pochino.
Infornatele a 180° C per 15 minuti su forno già caldo.




A presto!

11 commenti:

donatella ha detto...

e brava Sissa, che bella merenda che hai preparato! interessante il miele di castagno nell'impasto.. si sente il sapore o si confonde con gli altri ingredienti?

Arianna ha detto...

Che buoni!!! Anch'io ho visto la ricetta su cucina naturale, ma preferisco di gran lunga la tua versione!!!! Ma il cruschello di avena con cosa si può sostituire? Perché non so se riesco a trovarlo!!!

Herbi ha detto...

meraviglia! voglio provarli anche io! potrei sostituire il malto di riso al miele!
mi piace molto l'aspetto esterno e anche quello interno! devono essere buonissimi!

la sissa ha detto...

@Donatella: buondì donatella, eh sì, ..un pò si percepisce l'aroma del miele. Ma è lieve. Infatti non ho dolcificato tutto con il miele per non farlo spiccare, ma non nego che si sente. A me è parso, nell'insieme, equilibrato e piacevole ma se non ti piace o preferisci non usarlo, puoi tranquillamente sostituirlo.
A presto :)

@Arianna: ciao cara, ..per il cruschello direi che puoi provare con altrettanta farina integrale oppure sminuzzare con il minipimer pari quantità di fiocchi d'avena, senza magari ridurli completamente in farina. Oppure farina integrale d'avena (come peraltro la ricetta la prevede). Si tratta di giocare con i propri gusti. La consistenza finale dell'impasto è pressapoco simile a quella di una mousse, per capirci.
Questo week end li ripreparo perché ci sono piaciuti tantissimo!
Buon fine settimana :)

@Herbi: buondì cara, ti ringrazio molto e, sì, il malto di riso è una buona alternativa. Io stavo pensando di riprovare con lo sciroppo di datteri... Vediamo sto week end cosa mi ispira fare...
Bacio!

sara ha detto...

Che bel post primaverile! Queste pastarelle mi danno proprio l'idea di una festa in giardino...

Katiuscia ha detto...

Anch'io avevo messo gli occhi su quella ricetta e le tue belle pastarelle non hanno fatto altro che aumentare la voglia! ^___^

la sissa ha detto...

@Sara: il terrazzo in questo periodo da grandi stimoli e soddisfazioni, anche se quelle biscottifere non mancano mai!

@Katiuscia: questo week end le ho rifatte ma con i mirtilli freschi. Buone :)) Appena aggiusto e perfeziono bene la ricetta la pubblico.
Bacio!

Margot ha detto...

Ciao dolcezza! Le pastarelle che proponi fanno proprio al caso mio.. Con tutti questi ingredienti naturali e leggeri mi ispirano gustose colazioni e merende primaverili.
Certo che sono andata a Venezia...ne scriverò sul prossimo post. Bacionissimi ;-)

pannifricius delicius ha detto...

Ma che delizia!!!! Me li sbaferei tutti

Fico e Uva ha detto...

Fantastico modo di prendersi cura di se... una passeggiata e un biscotto come questo..adoro!

la sissa ha detto...

@Margot: ciao bella, ho letto proprio oggi il tuo resoconto sul blog! Ero curiosa di sapere com'era andata..
Un abbraccio!

@Pannifricius: grazie mille, Paola!

@Fico e Uva: sì sì, ci vuole proprio poco per passare ore belle, quando sei in buona compagnia e in serenità.
Buona giornata e grazie del pensiero.