martedì 30 novembre 2010

Scones ai fiocchi d’avena, sciroppo d’acero e uvetta sultanina

Prima di abbandonarmi ai preparativi per l’imminente gita parigina, vi racconto quella che è stata per me una stupenda rivelazione dei miei esperimenti in cucina: gli scones.
L’input è avvenuto in occasione della lettura della ricetta nel post di Carolina che, dopo una valutazione e confronto con quelle già a mie mani, ho fatto mia (anche per via del minore quantitativo di burro rispetto alle altre)!
Nelle ultime settimane li ho già preparati diverse volte tanto mi era i-n-d-i-s-p-e-n-s-a-b-i-l-e avere per colazione questi paninetti sfiziosi da tagliare a metà e spalmare con un velo di marmellata di mirtilli. ..L’inzuppo nel tè da enormissime soddisfazioni!
Con la pratica ho capito che la giusta consistenza dell’impasto è appiccicosa, poiché inizialmente tendevo a ridurre il quantitativo del latte indicato nella ricetta sembrando l’impasto un pò “colloso” e difficile da stendere. Impiegando il quantitativo di liquidi effettivamente indicato, il miglioramento si è toccato con mano!
L’unico inconveniente è che se non consumati subito tendono ad asciugarsi e perdono la loro fragranza.
Ho risolto, quindi, preparando mezza dose di impasto rispetto ai quantitativi indicati nella ricetta e divertendomi a rifarli (tanto sono veloci e piacevoli da preparare!) cambiando, di volta in volta, gusto..




Vi riporto la ricetta dimezzata per colazioni di coppia con le mie personali modifiche (col burro e latte di soia, ovviusly) e proponendo la mia versione rustica con lo sciroppo d’acero, avena ed uvetta che è una delle mie preferite!

Ingredienti:

- farina 00: gr 190
- fiocchi d’avena: gr 60
- sale: mezzo cucchiaino
- bicarbonato di sodio: 1 cucchiaino
- cremor tartaro: 2 cucchiaini e ¼
- burro di soia freddo: 28 gr
- latte di soia: 100 gr
- sciroppo d’acero: 40 gr + un cucchiaio di golden syrup -maple flavour- (tot. 50gr circa)
- uvetta sultanina: 70 gr

Procedimento:

scaldate il forno a 220° gradi.
Mettete i fiocchi d'avena nel boccale del mixer e sminuzzateli accendendolo due-tre volte per pochissimi secondi, senza trasformarli in polvere, ma solo per ridurne un pò la dimensione.
Setacciate la farina, i fiocchi d’avena sminuzzati, il sale, il bicarbonato ed il cremor tartaro in una ciotola capiente.
Unite il burro freddo ed impastate (strofinando gli ingredienti tra le dita) fino ad ottenere un composto simile alla sabbia.
Unite il latte (miscelato precedentemente a parte in una tazza con gli sciroppi), le uvette e mescolate brevemente.
Rovesciate l’impasto su una superficie infarinata ed impastate delicatamente e brevemente fino ad ottenere una palla.
Stendete l’impasto in uno spessore di 3 cm circa e incidetene la superficie con uno stampo rotondo (dimensione di 6 cm), rimpastando brevemente e grossolanamente gli avanzi per ottenerne altri e ciò fino ad esaurimento della pasta.
Disponete gli scones su una teglia ricoperta da un foglio di carta forno abbastanza vicini tra loro. In cottura devono espandersi ed attaccarsi.
Cuocere per 10 minuti a 200-220°, finché diventano gonfi e dorati (io ho posizionato la placca del forno a metà, come faccio di solito per i biscotti).
Sfornare ed avvolgere gli scones caldi in un canovaccio per trattenere il vapore e far mantenere così il loro interno morbido
(Ricetta vuole che bisognerebbe spennellare la superficie degli scones con l'uovo prima di infornarli. Io non l’ho fatto).



7 commenti:

terry ha detto...

ti mi tenti alla grande, come sai amo lo sciroppo d'acero e pure gli scones... quindi qui vado a nozze! vengo da te a colazione :)
baci

Edda ha detto...

Gli scones che vengono da lontano, che buoni che devono essere!

MariLuna ha detto...

buonissimi anche questi certo e mi diverto pure a farli, veloci e poi cosi' gustosi!
Buona giornta e grazie delle tue visite sei sempre molto carina e gentile:)

la sissa ha detto...

@Terry: ..quindi abbiamo gli stessi gusti! La colazione? ..lo sai che è fattibile, eh!! ;-)

@Edda: non sai cosa darei per assaggiare gli originali.. magari caldini al mattino.. Ciao Edda!

@MariLuna: figurati per le visite! ..passo sempre a trovarti: a volte lascio un cenno, altre sbircio solamente beandomi di ciò che vedo. Dipende dal tempo a disposizione..
buon proseguimento di giornata ;-)

Fico e Uva ha detto...

Che colazione superba!! Certo che iniaze la giornata così ha tutto un Ltro sapore! Leggo che vai a Paris... Che bello vorrei venire con te!!
Buona vacanza allora. Un bacio Uva

Nepitella ha detto...

Buoni, buoni, buoni è da tanto che non li faccio... grazie per la ricetta

la sissa ha detto...

@Uva: oh la vacanza è andata una meraviglia.. In questo periodo natalizio poi....... l'atmosfera regala grandi emozioni!
Ciao cara!

@Nepitella: io sto già rimunginando di rifarli.. Ah se sono buoni!
A presto!